Cena a sostegno del progetto Tarta-watcher

L’Associazione L’Alba inizia la rassegna di eventi Giornate della Salute Mentale sabato 27 novembre alle ore 19.00 con un evento in collaborazione con Legambiente Pisa: non c’è salute, senza salute mentale, ma per la salute di ognuno di noi la cura dell’ambiente è importantissima.

«La salute mentale e il benessere psichico non dipendono unicamente dalle risorse psichiche di una persona ma anche dal contesto sociale nel quale vive e dall’ambiente nel quale evolve», è quanto sostiene l’Organizzazione mondiale della sanità.

Salute, quindi, significa essere in armonia con se stessi, con gli altri e con l’ambiente. L’ambiente è un elemento fondamentale, in quanto qualsiasi relazione richiede una precisa collocazione spaziale affinché ci si possa sentire ‘nel luogo adatto’. E’ un fattore molto importante per la propria salute: infatti, per sentirsi meglio, a proprio agio, e per ricevere un maggior beneficio, ognuno di noi cerca di circondarsi, nei propri spazi, di un ambiente confortevole.

Gli effetti positivi che si possono ricevere da un ambiente erano già noti fin dai tempi dell’antica Grecia, dove furono progettati luoghi atti a circondare le persone di natura, arte e musica. Anche i famosi giardini di Babilonia si crede fossero stati creati come luogo dove la gente poteva andare a guarire, perché circondati da piante e fiori esotici pieni di colore, in grado di influenzare positivamente la psiche. Questo era uno dei metodi utilizzati per ripristinare l’armonia e per promuovere la guarigione del paziente in assenza di altre modalità terapeutiche.

Un gruppo di ricercatori della Perelman School of Medicine e della School of Arts & Sciences presso l’Università della Pennsylvania, insieme ad altre istituzioni, visti i numerosi studi accademici che da più parti del mondo correlavano la qualità della salute mentale con la presenza di spazi verdi, ha deciso utilizzare il Kessler Psychological Distress Scale (uno strumento di screening utilizzato per valutare le malattie mentali nelle comunità) per determinare se, cambiando i luoghi vicino a dove le persone vivono, potrebbe essere influenzata la salute mentale e i risultati, pubblicati sul pubblicati su JAMA Network Open, sono stati sorprendenti. […] “Spazi fatiscenti, vuoti e privi di natura sono fattori che espongono i residenti ad un maggior rischio di depressione e stress e possono spiegare perché persistono disparità socioeconomiche nella malattia mentale,” afferma l’autrice dello studio Eugenia South. “Ciò che questi nuovi dati ci mostra è che i cambiamenti strutturali, come l’ecologizzazione dei lotti, hanno un impatto positivo sulla salute di coloro che vivono in questi quartieri e ciò può essere realizzato in modo economico e scalabile, non solo a Filadelfia ma in altre città con gli stessi dannosi aspetti ambientali. Cambiare i luoghi in cui le persone vivono, lavorano e giocano può avere ampi effetti a livello di popolazione sugli esiti della salute mentale.”

Vittorino Andreoli, in occasione della sua Lectio Magistralis “Come l’ambiente influisce sulla salute mentale“, tenutasi il 6 novembre a Verona, ha sottolineato che “Riflettere sul rapporto che esiste fra il nostro stare bene, sia fisico che mentale, e l’ambiente in cui viviamo, apre delle prospettive alle quali raramente si pensa. Spesso, infatti, si tende a limitare il contatto con l’ambiente alla gita domenicale o alle ferie estive, rischiando di trascorrere quasi tutta la vita in un contesto ambientale artificiale, cioè costruito dall’uomo, un contesto che non ha quasi più nulla di “naturale”.

“Questo modello di vita sta portando sempre più velocemente verso conseguenze che tutti gli scienziati definiscono catastrofiche”, spiegano gli organizzatori. “Il problema è che si tende a porre l’attenzione sui danni che i cambiamenti climatici stanno provocando al pianeta, non prendendo in considerazione l’urgenza dei danni percepiti dall’umanità stessa. La prospettiva cambia se pensiamo che a determinate conseguenze dovremo far fronte noi in prima persona e soprattutto che questo deterioramento irreversibile avrà un impatto molto forte sulla vita dei nostri figli e delle generazioni future”.

Andreoli riporterà l’attenzione sull’essere umano, su come la vita, la salute mentale, e la “gioia di vivere” siano intimamente connesse con l’ambiente in cui viviamo e, proprio per questo, sia necessario salvaguardarlo.

E’ con questa gioia che i volontari di Legambiente ci hanno trasmesso quando ci hanno raccontato presso il Big Fish, l’avventura della difesa delle tartatughe marine a cui tutti possono contribuire attivamente e siamo contentissimi di ospitarli nuovamente al Circolo L’Alba.

Il progetto è attivo dal 2017, in cui è stata osservata la nidificazione della tartaruga marina Caretta caretta presso il Bagno La Perla di Tirrenia i volontari di Legambiente si impegnano per riconoscere e proteggere le nidificazioni sul litorale di questa specie vulnerabile. Ogni anno in Italia 10.000 tartarughe Caretta caretta muoiono a causa di catture accidentali, ingestione di plastica e traffico nautico.

Alle 19 verrà presentato il progetto e l’evento si concluderà con una cena vegetariana a sostegno dei progetti di riabilitazione psico-sociale. E’ obbligatoria prenotazione al 3403541897, obbligo di greenpaas e rispetto delle normative anticontagio.

La rassegna “Giornate della Salute Mentale” è patrocinata da Comune di Pisa, Università di Pisa, Coordinamento Toscano delle Associazioni della Salute Mentale, Arci, Cesvot. Coordinamento regionale dei gruppi di Auto Aiuto.

Tutti gli eventi in programma:

 

Giovedì 2 dicembre, ore 9 Circolo L’Alba, via delle Belle Torri n.8

Evento finale “Progetto Giovani Social per il Volontariato” Progetto realizzato a valere sul Bando I giovani per il volontariato 2020 del Cesvot finanziato con il contributo di Regione Toscana – Giovanisì in accordo con il Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale, con la partecipazione e il finanziamento della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Parteciperà l’Istituto Santoni di Pisa

Pranzo sociale alle 12 al Circolo L’Alba

 

Venerdì 3 dicembre Giornata Nazionale della Disabilità.

Convegno del 3 dicembre 2021 “Quanto è la persona è al centro della sua cura. 17° convegno di programmazione e verifica dei servizi integrati per la salute mentale” organizzato dal Coordinamento Toscano delle Associazioni della Salute Mentale, in collegamento con videoproiezione al Circolo L’Alba

Parteciperà l’Istituto Santoni di Pisa

Pranzo sociale alle 12 al Circolo L’Alba

 

Sabato 4 dicembre, ore 19.30 al Quore , via del Cuore n.1 

In occasione de La Notte Rossa dei Circoli ARCI

Presentazione del libro “Raccontare le emozioni: Paura, ansia e rabbia nell’età dell’incertezza” di Cristiana Vettori, Rossana Matteucci e Francesca Vignozzi. Collana Percorsi Narrativi Performat. Presenta il libro Emanuela Tangolo, presidente Performat.

A seguire cena con menù fisso a 25 euro: antipasto del contadino, trittico di primi lasagna zucca e provola, penne melanzane e ricotta stagionata, caserecce radicchio speck e noci. Dolcino della casa. Acqua, vino 1 litro ogni 5 persone.

 

Domenica 5 dicembre ore 11 Giornata Nazionale della Salute Mentale, Circolo L’Alba, via delle Belle Torri n.8

Incontro con Vincenzo Tallarico, maestro di meditazione centro Mindfulness Pisa

A seguire pranzo al Quore con menù fisso a 25 euro: antipasto del contadino, trittico di primi lasagna zucca e provola, penne melanzane e ricotta stagionata, caserecce radicchio speck e noci. Dolcino della casa. Acqua, vino 1 litro ogni 5 persone.

 

Giovedì 9  dicembre a partire dalle 9.00

Tavola Rotonda “Recovery, Empowerment e peer support nella riabilitazione psichiatrica”

Parteciperà l’Istituto Santoni di Pisa

Pranzo sociale alle 12.30  al Circolo L’Alba, in via delle Belle Torri n.8

9.30 Dott. Corrado Rossi, psichiatra e membro del Comitato Scientifico de L’Alba auto-aiuto e de L’Alba Associazione

10.30 Dott. Luigi Piz, Psichiatra Dipartimento Salute Mentale Adulti di Pisa

12.30 Dott.ssa Capovani, Psichiatra Dipartimento Salute Mentale Adulti di Pisa

 

Sabato 11 dicembre ore 19.00, al Circolo L’Alba, in via delle Belle Torri n.8

Cena con Reading. “Gocce di Emozioni” di Eleonora Laquidara, con la partecipazione della Fondazione Arco per la ricerca contro il tumore.

Menu 25 euro:   grande antipasto vegetariano (strudel di verdure, rocher di uva con caprino, polpettine broccoli e ricotta, polpettine zucchine e carota, pappa al pomodoro, cuscus speziato di verdure, voulevant di funghi e crema di noci, selezione di formaggi misti), vellutata di zucca e porri, casereccie al pesto di cavolo nero e noci. Castagnaccio. Acqua, vino 1 litro ogni 5 persone.

Giovedì 16  dicembre ore 10 Circolo L’Alba, Via delle Belle Torri, n.8

Laboratorio di arte terapia con AIPD Pisa

ore 12 Pranzo sociale con  AIPD Pisa

 

Giovedì 16 dicembre, ore 19.30 al Quore , via del Cuore n.1 

A cena con la dietista, con la partecipazione della dott.ssa Greta Parlanti, Università di Pisa, facoltà di dietistica e nutraceutica

A seguire cena con menù fisso a 25 euro:  grande antipasto vegetariano (strudel di verdure, rocher di uva con caprino, polpettine broccoli e ricotta, polpettine zucchine e carota, pappa al pomodoro, cuscus speziato di verdure, voulevant di funghi e crema di noci, selezione di formaggi misti), pasta e fagioli alla toscana, penne cavolfiore, zafferano e uvetta. Castagnaccio. Acqua, vino 1 litro ogni 5 persone.

 

Venerdì 17 dicembre, ore 17.30 Circolo L’Alba, Via delle Belle Torri, n.8

Banchetti informativi delle Associazioni LGBTQ: invitati Arci Gay Pisa, Associazione Coming Out, Bit. Bisessuali Toscani. Proiezioni di video per la lotta allo stigma e la libera consapevolezza di sé

ore 20.00 A cena con Lalique Chouette. Circolo L’Alba, Via delle Belle Torri, n.8

Menù fisso a 20 euro:  grande antipasto vegetariano (strudel di verdure, rocher di uva con caprino, polpettine broccoli e ricotta, polpettine zucchine e carota, pappa al pomodoro, cuscus speziato di verdure, voulevant di funghi e crema di noci, selezione di formaggi misti), lasagne zucca e salsiccia, caserecce radicchio, speck e noci, fusilli broccoli e ricotta. Castagnaccio. Acqua, vino 1 litro ogni 5 persone.

 

Sabato 18  dicembre ore 17.30, Circolo L’Alba, Via delle Belle Torri, n.8  Premiazione Concorso Versi per L’Anima 2021.

A seguire cena con menu fisso a 25 euro: grande antipasto vegetariano (strudel di verdure, rocher di uva con caprino, polpettine broccoli e ricotta, polpettine zucchine e carota, pappa al pomodoro, cuscus speziato di verdure, voulevant di funghi e crema di noci, selezione di formaggi misti), vellutata di zucca e porri, casereccie al pesto di cavolo nero e noci. Castagnaccio. Acqua, vino 1 litro ogni 5 persone.

 

Giovedì 23 dicembre, Circolo L’Alba, Via delle Belle Torri, n.8

18.00 presentazione libro Maria Velia Lorenzi “La musica nelle parole. Cronaca di un’arteterapia” di Carmignani Editore, vincitore “Premio Pisa 2018” nella sezione “Radici del Territorio”

19.30 performance del laboratorio di teatro de L’Alba Associazione, guidato da Marta Corci

20.00 Cena natalizia con le famiglie de L’Alba Associazione

Menu fisso 20 euro:  Tagliatelle ai funghi, grigliata mista con contorni misti. Alternativa vegetariana: parmigiana bianca di zucchine e patate. Acqua, vino 1 litro ogni 5 persone.