I gruppi d’auto-aiuto si raccontano

//I gruppi d’auto-aiuto si raccontano

I gruppi d’auto-aiuto si raccontano

Per far conoscere meglio che cos’è un gruppo d’auto-aiuto noi che vi partecipiamo abbiamo deciso di scrivere insieme degli articoli e pubblicarli sul sito de L’Alba Associazione.

L’Associazione L’Alba nasce dai gruppi d’auto-aiuto per il disagio psichico, sperimentati per la prima volta a Pisa nel 1993, in Clinica Psichiatrica dell’Ospedale Santa Chiara. E’ stata un’avventura che dura da più di venti anni, bellissima, piena di emozioni, che forse non conoscete ancora…

 

Il gruppo funzionava così bene per dare forza e sostegno ai pazienti che le persone tornavano anche dopo il ricovero, perché avevano trovato nel gruppo un forte stimolo per migliorare le loro capacità di fronteggiare i sintomi e imparare a gestirli. Una delle basi è la regola delle tre “C”: Conoscere il disagio psichico, Conviverci, Combatterlo.

Nel 2000, il gruppo divenne associazione di promozione sociale, uscì dalla clinica per la naturale necessità dei partecipanti di vivere fuori da un contesto medico e vivere nella società, cercando integrazione. Così nacquero i gruppi al Circolo ARCI San Biagio e presso la vecchia sede dell’ARCI in Corso Italia, guidati e sostenuti dai primi facilitatori sociali. Insieme abbiamo scritto un manuale dal titolo “Self-Help in Mental Heath”, allo scopo di far conoscere il nostro modello di auto-aiuto, guidato da persone che vissuto l’esperienza della malattia e ne sono usciti.

Un altro grande passo verso l’inclusione è stato fatto nel 2007, con l’apertura e la gestione del Circolo L’Alba, da poter sentire nostro e testimonianza concreta e tangibile, della possibilità di migliorare molto la propria vita nonostante i problemi psichici, tornando ad essere una risorsa per la società e la città, insieme agli altri.

In quegli anni, in cui c’erano solo alternative medicalizzate nei percorsi di riabilitazione psico-sociale, vedere il Circolo attivo e frequentato, è stato un successo preziosissimo per tutti, un simbolo della possibilità di riemergere dalle difficoltà.

In questi anni sono passati dai gruppi tantissime persone, ognuna delle quali ha dato la sua esperienza, ha imparato qualcosa su se stesso, ha preso la sua strada o è restato per aiutare, ha trovato amici e ha contribuendo a rafforzare la cultura dell’auto-aiuto, che continua ad affiancare i numerosissimi progetti dell’Associazione, volti a cercare risposte ai moltissimi bisogni di chi soffre di un disagio psichico: le artiterapie, i gruppi appartamento, il progetto Nuovi Spazi di Vita per la disabilità intellettiva, la ristorazione sociale e accessibile, lo stabilimento balneare L’Alba Big Fish.

Forse anni fa era più facile capire quanto fosse importante avere qualcuno con cui parlare e da cui essere ascoltati, oggi i problemi economici e la disoccupazione ci fanno credere che parlare “e basta” senza avere risposte concrete sia inutile. In realtà la percezione di essere da soli nell’affrontare i problemi è un dolore molto gravoso e, inoltre, conoscere l’esperienza degli altri è preziosissimo per sentirsi un po’ più forti e procedere giorno per giorno, cercando di migliorare nel prendersi cura di sé.

Veniteci a trovare, fate un colloquio di orientamento: dal disagio si può uscire, ma non da soli.

Noi ci riuniamo in via delle Belle Torri n.8 il lunedì e il mercoledi dalle 15.30 alle 17.30. C’è un gruppo d’auto aiuto anche il mercoledì (orientato ad autostima e consapevolezza) e il venerdì, al Circolo Alhambra, in via Fermi 29, dalle 15.00 alle 17.00. Il giovedì dalle 15 alle 17 trovate il gruppo d’auto-aiuto a Pontedera, presso il Centro Poliedro,  in Piazza Berlinguer.

 

 

 

 

 

 

By | 2019-02-14T10:47:28+00:00 febbraio 12th, 2019|Senza categoria|0 Comments